Lungo il Rio Dulce.

Oggi giornata puramente dedicata alla navigazione sul fiume.

Ieri sera siamo riusciti a prendere contatti con un tipo che trasporta persone con una lancia su e giù per Livingstone.

Il tempo volge al meglio e ci si organizza con creme solari e costume.

Con noi si aggregano per essere trasportati, due ragazzi canadesi.

Il nostro driver ci fa anche un poco da guida… è bravo e siamo contenti di avergli dato 25$ a testa per questa giornata di relax.

Le deviazioni dal fiume principale, ci portano in piccoli anfratti con capanne e palafitte con gli abitanti del posto.

Animali come iguane, aironi e aquile, non sono difficili da avvistare.

Passiamo in una strettoia dove ci fa vedere una fortezza: il castello di San Felipe.

In uno stop ben gradito, ci tuffiamo in acqua. Particolare dei getti di acqua sulfurea che spruzzano dal sottosuolo!

Riprendiamo la lenta discesa verso la foce del corso di acqua dolce più importante di tutto il Guatemala.

Passando sotto una roccia il nostro uomo, ci fa notare un serpente molto velenoso perfettamente mimetizzato… a detta sua molto pericoloso.

Arriviamo a Livingstone.

Cittadina abbandonata e fatiscente.. la prendiamo giusto per fare una sosta culinaria.

Per questa sera avremmo programmato un ristorante per mangiare pesce e crostacei locali, quindi leggeri e via.

Passeggiando qua e la troviamo degli scorci interessanti.

Il rientro e più veloce e rientro alla base.

Ne approfitto per pulizia alla Fenice e rimettere in funzione gli stop e controlli vari.

Verifico che il morsetto del negativo della batteria motore si è allentato… ristabilito il contatto tutto torna funzionante!

Le vibrazioni e le buche, seguite da piste smontapezzi, fanno sì che cose da noi impossibili, qua lo divengono.

Mauro ed Enrico fanno manutenzione alla Honda e poi riunione sulla lancia per il ristorante.

La marina pullula di navigatori in transito da e verso i Caraibi…

Mangiamo i classici gamberoni del Rio Dulce, la cucina è ricavata su una vecchia House boat.

Rientriamo in poco sotto una pioggerellina preoccupante, non tanto quanto delle fastidiosissime zanzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *