Le lagune, il molo più lungo del mondo e Merida

Il nostro risveglio in questa fantastica spiaggia desolata è accompagnato il fragore delle onde.

Si fa colazione a piedi nudi nella sabbia corallina, organizziamo le macchine e ritorniamo sulla pista di ieri che corre verso nord sulla costa dello Yucatan

Faccio guidare Luca in questo tratto di una ventina di chilometri che ci porteranno alle saline di Las Coloradas.

Una quantità impressionante di fenicotteri rosa Popola la laguna interna mentre verso est il Mar dei Caraibi infrange sulla costa. Decidiamo di arrivare entro sera a Merida, passando per Progreso.

Notiamo con gioia che, pur essendo strade a singola carreggiata, si riescono a tenere medie più che dignitose: circa 70 km orari.

Io devo trovare un posto per fare rifornimento… il gasolio, almeno in questa parte del Messico, non si trova in tutte le stazioni di servizio.

Parlando con dei locali, dove approfittiamo di un buon caffè americano, ci viene consigliato di seguire una strada interna ed è cosa che ovviamente facciamo.

A volte si passa solo con una macchina visto che la vegetazione sta inglobando la striscia di asfalto.

In un piccolo paesino ci fermiamo X un pollo arrosto e una birra per la modica cifra di 4 dollari americani.

E si prosegue in direzione Progreso, cittadina sul mare caraibico, ha la particolarità di avere un molo di oltre 6 km di lunghezza.

Si estende nel mare come una grande diga foranea, forse l’unica vera attrazione di questa cittadina.

Riprendiamo la strada a quattro corsie che corre verso l’entroterra dello Yucatan…

A Merida, cittadina coloniale, troviamo un albergo in centro ( 15€ a persona) dove poter parcheggiare i mezzi e anfare in visita prima della cena.

Centro di notevole interesse turistico è piuttosto caotica. La sera in un ristorante locale possiamo apprezzare qualche piatto tipico.

Dopo aver guidato lungo tutto il sud e centro America, notiamo che tutte queste città create dalla colonizzazione spagnola sono assolutamente simili dal punto di vista architettonico.

Merida città coloniale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *