Pasqua 2007, il volo.

Pasqua 2007, il w.e. si preannuncia molto frizzante, alianti in linea e giornata limpida.

A calcinate i “boss” del volo che ben conoscete si sono presi la briga di portare i novellini nei voli di performance nelle nostre zone di volo, io cerco di sfruttare questa opportunita’ e mi presento puntuale.

La meteo è favorevole verso il vallese. Cominciamo quindi  la nostra scalata verso il sempione, il volo è piacevole e con i consigli dei boss ci avviciniamo da Masera verso il mitico vallese.

Per chi non è della zona la valle che si protende dal lago di Ginevra e si allunga fino al passo del Furca è appunto il vallese, in aliante la mia esperienza è limitata ma nel  periodo che va dal 1994 al 2000 ho volato saltuariamente nel periodo estivo con il parapendio.

Contornata di montagne di rilevante altitudine ti fanno sentire a disagio anche quando il plafond è otre i 3000 mt. , il volo con i miei compagni si orienta verso Sion/Crans montana dopo un sondaggio dei cumuli della stazione della funivia di fiesch.

Alberto (Sironi, detentore di diversi record continentali) propone un rientro dalla val d’Aosta, io non mi sono mai allungato oltre Goppesteing con il mio parapendio, ma la voglia di star dietro ai boss mi sprona a salire nuove termiche e nuove valli.

Ovviamente sbaglio valle e ripiego con la coda tra le gambe verso l’aeroporto di Sion, dove un gran traffico di linea mi toglie la voglia di chiamare e mettere giu’ il mio aliante.

Spero  ancora di recuperare una situazione che mi vede in una discesa inesorabile in uno degli aeroporti di cui sono a conoscenza grazie alla mia scorsa esperienza di parapendista.

La voglia di non fare la figura del pivello è forte, ma come ben sapete il terreno si avvicina inesorabilmente quando la termica scarseggia!

La zona del vallese cha va da  Sion a Briga e’ rinomata per la fantastica produzione di vino e quindi la chance di prati papabili si riduce ad uno solo che obbiettivamente mi sembra molto valido, ovviamente i due aeroporti sono ormai fuori da un’obbiettiva atterrabilita’ in sicurezza.

Atterro in perfetto assetto della valle e posiziono il mio aliantino standard proprio al centro di un campo di calcetto, passato il solito momento di delusione del “buco” bisogna organizzare il recupero .

Mi accorgo di un’insolita tranquillita’ che aleggia nella zona e mi avvio verso la strada che mi sembra condurmi verso la via pricipale, tutta la zona è recintata e sono costretto a passare davanti ad una dependance con vetri  oscurati.

In quel momento il pesiero di essere atterrato in una zona insolita prende corpo quando un’omone  in divisa mi apostrofa parlandomi in francese: sai dove sei atterrato?

Io gia’ un po’ deluso dal fuoricampo e preoccupato dalla logistica del recupero non perdo tempo dicendogli che non so’ dove sono atterrato, ma era l’unico campo valido in venti km. E andava bene quello li’!

Sete an a prison mi dice “è una prigione” da qui non riesci piu’ ad andare via!

Si capisce subito che mi sta prendendo in giro, ma caspita proprio in un carcere dovevo mettere giu’ il mio aliantino.

Ho veramnete collezionato un sacco di fuori campo tra para e deltaplano ma in un penitenziario svizzero non ero mai piombato!

La fortuna poi mi portera’ a dormire a casa di un aliantista della zona che tra l’altro mi mettera’ a disposizione un carrello per poter rimontare il mio mezzo nell’ aeroporto di Sion e ridecollare al mattino seguente valicando il passo del Sempione e rientrando a casa pronto per una  pasqua in famiglia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *