Lenti ma inesorabili!

Lasciamo lasciamo la laguna Blanca subito dopo aver attraversato il confine tra Chile e Bolivia sotto le pendici del vulcano Licancabur.

Siamo soli, Enrico e Mauro sono partiti ormai da due giorni e dobbiamo recuperare lo spazio/tempo che ci separa. Noi abbiamo il nostro fantastico localizzatore che che ci posiziona ogni dieci minuti in un punto sulla carta, loro devono cercare una connessione internet per poterci vedere e mandare le loro coordinate.

Piu’ di 400km. di pista dura e a volte durissima, quando la toundoulè ti smonta la macchina la tenacia diventa essenziale e non bisogna mollare!

Arriviamo al salar di Uyuni, riusciamo a fare campo proprio a ridosso dell’isola del Pescado, bello e anzi bellissimo… riprendiamo il viaggio il giorno successivo chidendo sempre piu’ il gap con la “nostra” carovana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *