Devo riparare la Fenice.

Sono ormai giorni che ho un problema di ricarica dell’impianto elettrico del mio land.Sono ampliamente in condizione di continuare senza grossi problemi, ho un pannello solare, un cavo e caricabtterie… ma sta storia che ho la birra calda mi fa veramente incazzare, con 32 gradi, di piu’!Io e Nene’ decidiamo di partire all’alba e salire a nord verso Canas…Tramite un amico di WA mi ha trovato un elettrauto che dovrebbe avere qualcosa per riparare il mio alternatore.La vedo dura… Io ho pezzi europei, montati aftermarket, insomma qua ci vuole una bella botta di culo.La strada è scorrevole e alle sette di mattina il caldo non si presenta…scorriamo lungo una vegetazione molto ben tenuta e che pian piano viene sostituita a coltivazioni da bestiame.Si scorre anche lungo il mare con scorci molto belli.Troviamo un locale affollato a Puntarenas, facciamo una colazione spaziale, cara, e procediamo verso Canas.Verso le dieci entriamo nell’officina che fatichiamo a trovare… pero’ subito ci si attiva per il mio generatore.

Ne troviamo uno ad un “repuestos”, sono dei discount dei pezzi di ricambio.Misure e telefonate… la soluzione migliore, come a casa è smontare e comparare.Questa volta la fortuna mi assiste e il pezzo di ricambio calza a puntino, spendo come a casa… di un pezzo originale.Da noi ormai si tende a non montare piu’ le cose originali per dei costi esorbitanti rispetto a degli “aftermarket”… poi pero’ la differenza è: l’origiale land mi era durato 16 anni con migliaia di km percorsi in terra africana, quello che ho montato prima i partire è durato la bellezza di poco meno di 35k km!

Il pezzo è americano, questo mi dovrebbe garantire la reperibilita’ fino all’Alaska… e di una potenza del 40% superiore al sostituito.La birra fredda non sara’ piu’ un problema.

La Toyo di Enrico e Mauro dovrebbero essere in strada e sono in attesa di incontrali in un barettino sulla strada, caldissimo con la gente simpatica e cordiale e con prezzi irrisori: pollo, riso, birra e caffe per 6$ a testa.Lascia la zona turistica che tutto si livella.

Finalmente la radio gracchia e intravedo il toyo che si avvicina… prendiamo un caffè e ripartiamo per il vulcano Arenal.

Siamo a solo una 20na di km. e riusciamo a trovare un piccolo spiazzo in riva al lago per piazzare le tende.

La temperatura è scesa molto e si sta benone. Ceniamo senza un moscerino e attendiamo il tramonto.

One thought on “Devo riparare la Fenice.

  • Manu
    15 Gennaio 2019, 23:42

    La birra calda!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *