-5

Non è la temperatura esterna, ma i giorni che mi restano per definire le ultime cose prima di lasciare l’Italia e trasferirmi sulla Fenice in quel di Salta.
Oggi ho chiuso la valigia, vestiario quasi nullo, tranne qualche capo tecnico per salire i vulcani d’alta quota, ma un sacco di piccoli particolari della Fenice. Nell’ultimo viaggio avevo rotto/perso delle stupidate di meccanica a cui avevo ovviato con il solito sistema: smonti e ne fai a meno. Adesso mi andrebbe di rimettere in bolla quei dettagli. La sequenza potrebbe essere questa:
1 Fiondarsi all’indomani dell’arrivo a Salta, alla dogana centrale e ottenere le carte per togliere la land dalla zona doganale
2 far partire la Fenice, è un anno che è ferma e al buio (il pannello solare non avrà caricato nulla…)
3 uscire e ritornare a Salta dove sulla via principale cè il gommista che ci dovrebbe aver procurato le nuove gomme… e sostituirle
4 piazzarsi nel garage dell’albergo per effettuare le piccole modifiche e riparazioni. La piu’ importante è sicuramente sostituire l’impianto di ricarica dell’African twin che non ha mai funzionato sin d’ora. riparare il serbatoio dell’acqua del toyo, rimontare le protezioni dei dischi freno alla Fenice._ALP0915
5 trovare l’agenzia dell’assicurazioene fare le polizze temporanee
6 andare al supermercato e fari il pieno di viveri ecc.
7 comprare la nuova bombola del gas che ha attacchi completamente diversi da quelle europee.
buttar dentro un 200 lt di gasolio e guidare verso il deserto di Atacama (Chile) non prima di essersi sparati un asado degno di nota.Questo per chi pensa che si va in vacanza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *